Se controlliamo le statistiche di Google Analytics ci accorgiamo subito che buona parte degli utenti del nostro e-commerce arriva da mobile. Allo stesso tempo notiamo che la maggior parte del valore di conversione è dato dagli utenti desktop. Si tratta di una controtendenza importante da valutare, che se ottimizzata può creare maggiore valore.

Oggi analizziamo alcuni fattori indicati nelle analisi fatte da Google e descritte all'interno di alcuni articoli di case studi, specifici pubblicati in Think with Google.

Come migliora la mobile user experience di un sito e-commerce

Come prima operazione possiamo controllare l'ottimizzazione mobile del sito utilizzando Google Optimize, che ci aiuterà ad apportare i miglioramenti UX delle pagine sito per dispositivi mobili. Avvolte bastano pochi esperimenti per raddoppiare per raddoppiare le vendite utilizzando lo stesso livello di traffico.

Nel case study indicato da Google su un noto brand italiano si sono evidenziati alcuni elementi che hanno contribuito all'aumento delle conversioni:

  1. Visualizzare le categorie principali sulla home page, ha contribuito all'aumento del 7% delle conversioni. In questo caso le categorie sono state inserite nella zona top del sito, medianti icone simili alle storie che siamo abituati a vedere all'interno dei social.
  2. Aggiungere una barra di ricerca ben visibile, questo ha contribuito all'aumento del 11% delle conversioni. Inoltre può essere d'aiuto a creare delle statistiche interne sulle preferenze degli utenti. Specialmente gli utenti che sono affezionati al brand, conoscendo il prodotto desiderano arrivare immediatamente sulla loro pagina.
  3. Immagini nell’hamburger menu, avere delle icone o meglio ancora delle immagini all'interno del menu facilita la comprensione, aumentando la velocità di lettura o allo stesso tempo evidenziando determinati sezioni del sito. All'interno del case study ho apportato il 5% delle conversioni.
  4. Descrizione del prodotto ben visibile, avere tutte le informazioni relative al prodotto visibili diventa fondamentale, non tutti i nostri utenti hanno la voglia di cliccare sul pulsante o link. In questo caso ha determinato un maggiore tasso di conversione di quasi il 3% delle schede prodotto con descrizione.
  5. Non avere sorprese nel carrello, il carrello è una zona importante dove buona parte degli utenti abbandona il processo di acquisto. È fondamentale studiare fattori di abbandono, a volte l'abbandono è dovuto al fatto che l'utente scopra delle informazioni aggiuntive di tipo bloccante. Ad esempio spese di spedizione, tempi di spedizione o modalità di pagamento complessi.

Creare un ordine mobile non è facile, a volte, anche per gli utenti esperti. Avere la sensibilità di un costante miglioramento delle interfacce e del sistema informativo che guida il processo di acquisto, diventa fondamentale per aumentare il fatturato. passando dal tasso di conversione e non dal budget.

Ottimizzare l’esperienza utente da mobile del sito e-commerce

Possiamo migliorare le nostre conversioni anche attraverso l'ottimizzazione di altri fattori:

  1. Migliorare il servizio clienti, mediante un livello di comunicazione avanzata, esempio una live chat può dare il giusto supporto a tutti coloro che hanno problemi durante la fase di acquisto.
  2. Aggiungere delle FAQ contestuali nel funnel di acquisto, in particolare nei punti nevralgici di abbandono come il carrello o il checkout.
  3. Mostrare i vantaggi a seconda delle esigenze, conoscere i nostri utenti è fondamentale, in base all'utente è necessario creare dei vantaggi per lui. I vantaggi sono delle leve che possiamo sfruttare nei momenti di debolezza del processo di acquisto. La spedizione gratuita può portare ad un Revenue per Session del +2,5% e del Conversion Rate del +6%.
  4. Mettere in risalto le promozioni, specialmente all'interno delle schede prodotto, può contribuire ad un aumento del carrello medio ad esempio se utilizziamo tecniche di offerta in bundle aggregando più prodotti con pulsante unico.

La comunicazione marketing esterna al sito deve continua all'interno del sito e-commerce

Utilizzando i cinque principi delle scienze comportamentale che nel test fatto da Google ha portato alla modificare del testo pubblicitario, alimentando l'interesse del consumatore:

  1. Il Potere del gratis: articoli gratuiti, offerte e coupon inclusi negli acquisti possono essere ottimi incentivi.
  2. Il Bias di autorità: i prodotti o i servizi che hanno il supporto di esperti e fonti attendibili, si differenziano dalla concorrenza.
  3. L'Euristica sociale: più recensioni o consigli da parte di altri utenti,  evidenziare le scelte più popolari,  diventano strumenti molto persuasivi.
  4. Il Contesto: cambiare il quadro di riferimento può aiutare le persone a rivalutare un prodotto o un servizio. Attraverso il framing è possibile mettere in evidenza i vantaggi in termini di comodità o risparmio di tempo.
  5. L'Associazioni a valore aggiunto: questa teoria consiste nel dimostrare l'altissima qualità di un prodotto associandolo ad altri elementi considerati di qualità altrettanto elevata.

Interessante gif animata creata da Think with Google esprime come ottimizzare un annuncio Google Ads per la rete di ricerca:

Annunci Google Ads per l'ecommerce

Ricordiamoci che l'utente deve trovare la reale corrispondenza all'interno delle comunicazioni interne del sito.